Pensieri & Parole

D come Divagazioni

Ma anche Q come Quarantena e A come Amore. Infatti questo periodo, di quarantena, appunto, è caratterizzato dalla visione di film e serie TV più o meno allo stesso ritmo dei tempi d’oro del dottorato (sì, noi dottorandi sopravviviamo grazie a Netflix e alle altre piattaforme che ci permettono di evadere la realtà). E l’amore? L’amore sta tutto nel film che ho visto l’altra sera, Marriage Story, nel libro che ho appena finito (La sonata a Kreutzer di Lev Tolstoj) e nell’ultimo libro scelto al Club del libro di cui faccio parte (Amo dunque sono di Sibilla Aleramo).

Senza volerlo mi sono ritrovata ad affrontare l’amore sotto vari aspetti: quello straziante della fine, che rivela gli aspetti più brutti e umani di noi; quello ossessivo e per certi versi svenevole della fin troppo umana Sibilla; e quello carnale, impuro, violento e così reale di Tolstoj. Non me l’aspettavo così, La sonata a Kreutzer. E non mi riferisco alla paternale di Lev nella sua postfazione, in cui ci spiega tutto ciò che voleva dire, che sostanzialmente si può riassumere in ‘siate casti e se proprio non ce la fate, copulate solo con vostra moglie e solo per procreare’.

Continua a leggere “D come Divagazioni”

English

R as in Review: 13 Reasons Why

So, I just finished watching the third season of Netflix’s ’13 Reasons Why’. I really liked the show’s first season, enjoyed watching the second one and got convinced by the third one that the series should have started and finished with the story of Hannah Baker.
But first things first. The last season, and this is no spoiler, centres on Bryce Walker’s death – his assassination to be more precise. Although the series had long finished its scope at the end of season 1, the authors were able to create another catchy story that got many of us binge watching Netflix. But here come a series of buts.

Continua a leggere “R as in Review: 13 Reasons Why”